13.09.16 – la Repubblica Affari&Finanza – Laurea e master, all’impresa serve il corso giusto

Disoccupazione giovanile in Italia: forse un problema strutturale. Di manovre govenrative shock non se ne parla soprattutto per la mancanza di fondi, così i giovani inoccupati crescono, specie al sud. Ma Almalaurea diffonde dati confortanti: a 5 anni dalla laurea solo il 6% risulta ancora inoccupato. Il titolo quindi è necessario, anche se spesso ci si trova “overeducated” nell’azienda in cui si è stati assunti.

segue

13.09.16 – la Repubblica Affari&Finanza – Istruzione, l’Italia torna a investire

Se il Miur non ha contribuito alla spending review dovuta anche al taglio dell’Imu, forse è perché l’Italia spende per l’istruzione il 4.7% del Pil rispetto al 6.3% della media dei Paesi Ocse. Sembra però che per il welfare studentesco si stia preparando una rivoluzione a colpi di borse di studio, wi-fi, agevolazioni per i meno abbienti, edilizia scolastica, personale docente e non. Speriamo bene.

segue

13.09.13 – Corriere della Sera – Le tasse dell’Univerità? Si pagano dopo la laurea

La Ca’ Foscari di Venezia riesce a coinvolgere BNL in un’operazione ardita: gli studenti più brillanti potranno pagare le tasse universitarie anche dopo la laurea. Questo comporta incentivazione per i ragazzi (medie alte e tempi stretti da rispettare) e investimento del gruppo bancario nelle teste migliori dell’ateneo. Un modello da copiare? Il rettore Carraro si dice “non geloso” dell’idea.

segue